sabato 19 novembre 2011

I timori di bancarotta non debbono influenzare la strategia monetaria di Andy Xie

A chi conviene tutto ciò ora?

 

I timori di bancarotta non debbono influenzare la strategia monetaria.

Di Andy Xie

La ristrutturazione economica cinese è appena incominciata. Molte società ora debbono fare fronte a problemi di liquidità. La pressione può crescere ulteriormente nelle prossime settimane. Molti chiederanno una politica monetaria più rilassata sotto gli apparenti motivi che la bancarotta di alcune società porterà a nuovi picchi nella disoccupazione e nel disordine sociale.

Al momento attuale la Cina soffre di una carenza strutturale di lavoro, durante il processo di ristrutturazione economica, è inevitabile che alcune società falliranno. Comunque la disoccupazione dovuta alle bancarotte sarà probabilmente assorbita nei prossimi mesi. Abbandonare i controlli ora a causa della pressione dell'opinione pubblica probabilmente causerà problemi ancora maggiori causati dall'inflazione e dalla bolla immobiliare.

Lasciamo che gli aggiustamenti seguano il loro corso

Il mercato immobiliare è già stato influenzato da precedenti politiche monetarie restrittive.Alcune società immobiliari hanno cercato di aumentare le vendite riducendo i prezzi. Questo è un buon segno. Dal momento che la Cina sta vivendo una bolla immobiliare, adeguamenti dei prezzi sono necessari per mantenere il mercato solvibile.

Sentendosi frenati, molti imprenditori immobiliari stanno lottando per mantenere viva la bolla attraverso "prestiti-ombra" al di fuori del sistema bancario. Nel frattempo, contano sul mercato per recuperare da questo giro di vite e permettersi di continuare secondo quello che prima era lo status quo.

L'espansione economica della Cina ha rallentato nel terzo trimestre dell'anno, dal momento che le misure del governo per controllare l'inflazione hanno danneggiato la crescita. Con queste nuove politiche, un modesto rallentamento economico è inevitabile, ed è normale che alcune imprese possano finire in bancarotta come risultato. L'eliminazione delle imprese che sono meno competitive sarà un bene per lo sviluppo economico del paese nel lungo periodo.

Il governo non dovrebbe usare i soldi dei contribuenti 'per salvare gli speculatori sconsiderati. Gli imprenditori immobiliari dovrebbero salvarsi tagliando i prezzi delle case al fine di aumentare le vendite.

Ridurre l'impatto dei fallimenti

Quello che sta succedendo a Wenzhou deve ancora accadere in molti luoghi nel resto del paese. Fino a quando i governi locali e banche trasferiscono i beni materiali delle imprese in fallimento ad altre società che sono in grado di operare bene, l'impatto dei fallimenti sull'economia reale dovrebbe essere molto limitato.

I governi locali devono proteggere gli interessi dei creditori. Non dovrebbero collaborare con le aziende inadempienti e forzare le banche e altri creditori a sopportare le perdite in nome del mantenimento della stabilità sociale. Non dovrebbero permettere imprenditori falliti di conservare il loro patrimonio. Altrimenti questo sarà un precedente negativo per gli altri di fronte alla stessa situazione. A lungo termine, il riadeguamento strutturale aiuterà le imprese inefficienti a migliorare le loro capacità nel fare profitti.

L'integrazione porta a forza

Il sistema attuale fa troppo affidamento su una politica monetaria allentata per mantenere il suo slancio. Inoltre, la sovraccapacità ha mantenuto i profitti delle aziende ad un livello molto marginale. Così, a corto di liquidi aziende non hanno altra scelta che prendere in prestito denaro in nome di nuovi investimenti per rimanere a galla.

Le banche e i governi locali devono aiutare il settore immobiliare ad adattarsi ai cambiamenti politici. Essi non dovrebbero continuare a concedere credito alle aziende inadempienti al fine di mantenerle a galla. L'unico risultato di ciò sarà solo allungare il periodo di adeguamento economico. L'approccio corretto è quello di aiutare gli imprenditori sopravvissuti a prendere in consegna la società non redditizie. La Cina non ha bisogno di 20,000 imprenditori immobiliari; 2000 sono più che sufficienti.

Come il settore immobiliare, l'industria siderurgica della Cina è frammentata dal protezionismo locale. Questa perturbazione mina la capacità della Cina di contrattare con le tre grandi giganti minerarii del ferro. In realtà, la concorrenza feroce tra i produttori di acciaio cinese è uno dei fattori importanti per l'aumento dei prezzi del minerale di ferro. Con la crisi attuale dell'industria siderurgica della Cina, i governi locali non dovrebbero interferire con l'integrazione del settore.

Molte persone, soprattutto funzionari di governo locale, gli imprenditori e gruppi di interesse, hanno sottolineato gli effetti negativi dell' esplosione di una potenziale bolla immobiliare sull'occupazione, l'industria e le entrate fiscali. Tuttavia, alcune preoccupazioni a breve termine a livello locale dovranno essere sacrificate sull'altare della salute a lungo termine delle finanze pubbliche, della crescita e la stabilità del paese.

Nelle prossime settimane, ci saranno più notizie negative sull'economia cinese. Come tale, la pressione per facilitare le politiche monetarie potrà anche essere aumentata. Se il governo continua a salvare gli speculatori e gli sprechi, il problema inflazione in Cina diventerà ancora più grave.

L'autore è un membro del consiglio di Rosetta Stone Limited Advisors.

Articolo Originale

Nessun commento:

Posta un commento